News

italicus.jpg
News
barra azzurra.png

4 agosto 2021

Altra memoria. Altro dolore per la nostra città.

 

A soli due giorni dalla commemorazione per la strage del 2 agosto, ricordiamo, 47 anni dopo, un altro drammatico attentato.

 

Tra la notte del 3 e 4 agosto una bomba espose nella quinta carrozza del treno Italicus, partito da Roma e diretto a Monaco di Baviera, all’altezza di San Benedetto Val di Sambro.

 

12 i morti, 48 i feriti.

 

Uno dei più gravi attacchi dinamitardi degli anni di piombo.

Una tragedia dalla portata ancor più catastrofica se l’esplosione fosse avvenuta all’interno della Grande Galleria dell’Appennino e non all’uscita.

Nessuna condanna, nessun colpevole riconosciuto, per questo atto di matrice neofascista.

 

Una mancata giustizia a cui non possiamo rassegnarci

licenziati.jpg
News
barra azzurra.png

3 agosto 2021

Non è accettabile che vengano licenziati 90 lavoratrici e lavoratori via whatsapp da parte di una multinazionale della logistica.

In una notte.

 

È necessario fare un appello alle istituzioni affinché vengano arrivate tutte le procedure necessarie a salvaguardare il personale coinvolto.

 

È un modo di operare che non fa parte di questo territorio, che attraverso la qualità delle relazioni tra imprese e lavoratori si è sempre distinto per la qualità e la tutela dell’occupazione.

2 agosto.jpg
News
barra azzurra.png

2 agosto 2021

41^ ANNIVERSARIO DELLA STRAGE DEL 2 AGOSTO 1980.

Ricordare, perché è impossibile dimenticare.

 

Quel sabato mattina alle 10:25 persero la vita 85 innocenti e più di 200 furono i feriti, nell’episodio più efferato dal dopoguerra ad oggi, che cambiò per sempre il volto di Bologna.

 

Siamo a fianco dell’Associazione dei familiari delle vittime, e lo saremo sempre, per arrivare alla piena verità e giustizia.

comune.jpg
News
barra azzurra.png

31 luglio 2021

85 sampietrini della memoria, uno per ciascuna vittima della strage del 2 agosto.

 

Il percorso parte da Piazza Nettuno, davanti a Sala Borsa, e arriva fino alla stazione, lo stesso dell’annuale corteo commemorativo.

 

Una bellissima installazione, per non dimenticare.

 

Che rappresenta anche, in un momento come questo dove si svolge il processo ai mandanti, l’impegno nella ricerca della piena verità ed avere finalmente giustizia completa.

Ricci.jpg
News
barra azzurra.png

29 luglio 2021

Ieri Solidarietà e vicinanza al sindaco Matteo Ricci e alla sua famiglia, vittime di una vera e propria intimidazione.

 

Quanto accaduto è un atto inammissibile e molto grave

portici.jpg
News
barra azzurra.png

28 luglio 2021

È ufficiale, i portici di Bologna sono stati nominati patrimonio dell'umanità.

 

Una notizia meravigliosa!

Utoya.jpg
News
barra azzurra.png

22 luglio 2021

Tanta violenza è difficile da raccontare.

 

Prima le otto persone uccise nel centro di Oslo con una autobomba, poi i 69 giovani uccisi a colpi d’arma da fuoco sull’isola di Utoya durante un raduno del Partito Laburista giovanile, ferendone a decine.

 

Dieci anni di carcere per l’autore del massacro, l’estremista di destra norvegese Anders Behring Breivik, e nessun pentimento per uno dei crimini più disumani mai compiuti nel Paese.

E questo inorridisce ancora di più.

Il nostro pensiero va alle vittime, alle famiglie delle vittime, e anche a chi ce l’ha fatta e continua a portare i segni di quel trauma collettivo.

 

Per commemorare il decennale verrà apposta un targa donata dall’associazione “InOltre” nella sede nazionale PD.

Lettadumbo.jpg
News
barra azzurra.png

21 luglio 2021

La partecipazione è l’anima delle Agorà Democratiche.

 

Lo spazio di DumBo si è trasformato in un orizzonte ricco di idee, di contenuti.

 

Un percorso che parte dal protagonismo delle persone per costruire un centrosinistra largo, forte, plurale, vicino ai nostri valori.

 

E lo abbiamo fatto a Bologna partendo da un tema centrale: il futuro del nostro Pianeta.

Borsellino.jpg
News
barra azzurra.png

19 luglio 2021

“La paura è umana, ma combattetela con il coraggio”.

 

Sono trascorsi 29 anni dalla strage di via d’Amelio in cui persero la vita il giudice Paolo Borellino e cinque agenti della scorta, Emanuela Roi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

 

Ricordare questo drammatico episodio significa onorare e ringraziare donne e uomini che hanno combattuto la criminalità organizzata, credendo nei valori della legalità, della giustizia, credendo che con l’impegno comune sradicare le mafie sia possibile.

 

Ed è con lo stesso coraggio e determinazione che dobbiamo fare piena luce su quando accadde quel giorno e ordinare ogni tassello per avere piena verità.